Cavolfiore verdura autunnale ricca di nutrienti




Il cavolfiore

Il cavolfiore è una verdura molto consumata nei mesi freddi a partire dalla stagione autunnale. La sua forma è rotonda ed è caratterizzata da un’infiorescenza compatta protetta da foglie di dimensioni più o meno grandi. Il sapore caratteristico dei cavolfiori risulta spesso molto aggressivo ad alcuni palati, soprattutto quello dei più piccoli. L’odore che spesso si sprigiona durante la cottura è dovuto alla presenza di zolfo.

Contengono una percentuale di acqua molto alta, minerali e vitamine utili al benessere del nostro organismo. Consumati spesso possono prevenire disturbi stagionali come raffreddore ed influenza. Sono perfetti per minestre e zuppe, accompagnano secondi e arricchiscono primi piatti. Ottimi alleati contro la cellulite grazie al loro potere diuretico e disintossicante. È una verdura tanto soda e compatta quanto delicata, si deteriora facilmente dopo 48 ore.

Varietà di cavolfiore

cavolfiore-bianco

Bianco: è una delle varietà più consumate, si presta, infatti, a moltissime preparazioni. Bollito, al vapore, fritto in pastella, insaporisce primi piatti e secondi. Ottimo anche come contorno e ingrediente fondamentale per preparare la giardiniera.

 

cavolfiore-violaViola: varietà molto diffusa e consumata in Sicilia. Il suo colore è dovuto ad un’alta percentuale di vitamine, minerali e antiossidanti utili alle difese immunitarie dell’organismo. Con questa tipologia si prepara una ricetta saporitissima e dal caratteristico profumo: il cavolfiore affogato.

 

cavolfiore-verdeVerde: il caratteristico colore verde brillante è dovuto alla presenza di clorofilla. A differenza del cavolfiore bianco, infatti, questa varietà non viene protetta dalla foglie dando modo al sole di irradiare le infiorescenze e far sviluppare la clorofilla. Ottimi anche crudi.

 

broccolo-romanescoVerde cimoso: conosciuto anche come “broccolo romanesco” è caratterizzato da infiorescenze geometriche. La consistenza e il gusto si prestano a preparazioni cotte e crude. Saporite vellutate o condimento per primi, questo cavolfiore rende ogni piatto speciale e profumato.

 

cavolfiore-arancioneArancione: questa varietà non sempre si riesce a reperire nei banchi del mercato. Il suo colore arancione è dato dall’alta percentuale di beta-carotene. I benefici nutrizionali di questi cavolfiori si concentrano soprattutto sull’apporto di vitamina A, maggiore rispetto alle altre varietà in commercio.

 

Proprietà nutrizionali

I cavolfiori appartengono alla categoria di verdure ricche di antiossidanti che ci aiutano a superare con energia i mesi più freddi. Non solo, prevengono l’accumulo di grassi grazie al loro potere diuretico, disintossicano e depurano l’organismo. Il succo di cavolfiore combatte i sintomi di affaticamento rimineralizzando il nostro corpo, combatte l’anemia e aiuta anche nei casi di lieve depressione. Inoltre, protegge lo stomaco dai succhi gastrici prevenendo ulcere e gastriti. Inserire i cavolfiori nella nostra alimentazione almeno due volte la settimana aiuta a prevenire i malesseri stagionali. Le vitamine e i minerali presenti in questa miracolosa verdura rinvigoriscono il nostro fisico e anche la nostra mente, alleviando nervosismo e stress. Consumare il cavolfiore la sera, infatti, aiuta a conciliare il sonno. Studi recenti hanno, inoltre, dimostrato che i cavolfiori riducono del 50% la possibilità di sviluppare tumori e aiutano a tenere sotto controllo la glicemia nei casi di diabete.

varieta-di-cavolfiore

Il cavolfiore in cucina e metodi di cottura

Con il cavolfiore è possibile realizzare moltissime ricette. È perfetto per primi piatti, secondi o come contorno e si presta a diversi metodi di cottura. Quella al vapore è la più indicata per mantenere inalterati minerali e vitamine. Nel caso in cui si preferisca lessarli è consigliabile cuocerli il meno possibile, scolarli, quindi dopo pochi minuti e metterli in acqua fredda per bloccare la cottura. Sono ottimi anche fritti in pastella, l’importante è che questa non sia troppo pesante e non copra il sapore della verdura. Le pastelle adatte ai cavolfiori sono quelle leggere, tipo tempura, realizzate con solo acqua e farina. Per condire la pasta esistono tantissime varianti dettate dalla creatività personale. Dalla semplice pasta con cavolfiori a sughi più elaborati. Acciughe, olive, provola affumicata e speck sono solo alcuni degli ingredienti che esaltano il sapore del cavolfiore creando un profumato connubio.

Per visualizzare tutte le ricette con cavolfiore CLICCA QUI

frittelle di cavolfiore        cavolfiore affogato (fine)        pasta cavolfiore e acciughe (min)



Commenta la notizia: