Tonno in scatola, allarme botulino in Europa: ritirate dal mercato 3.420 scatolette




Arriva dalla Spagna l’allarme per la presunta presenza di botulino in migliaia di scatolette di tonno che sono state ritirate dal mercato e segnalate attraverso il RASFF (Sistema rapido di allerta europeo alimenti) a tutti i paesi dell’Europa. Il richiamo, operato dalla catena di supermercati DIA il 10 agosto scorso, riguarda al momento 3.420 lattine da 900 grammi in olio di semi di girasole che sarebbero state contaminate dalla tossina rilevata dalle autorità sanitarie, così come confermato anche dalle analisi della ditta galiziana Frinsa del Noroeste, l’azienda spagnola che si occupa di produzione e vendita di diverse specialità alimentari in scatola. Il lotto interessato dal provvedimento è il numero 19/154 023 02587, con data di scadenza indicata al 31 dicembre 2022.

amazon buono

Il botulismo è una malattia paralizzante causata da una tossina prodotta dal batterio Clostridium botulinum meglio noto come botulino, che può provocare una grave intossicazione alimentare. Il botulismo alimentare può colpire soggetti di tutte le età e non è trasmissibile da persona a persona. I sintomi solitamente si manifestano molto rapidamente, da poche ore a pochi giorni dall’ingestione della tossina. Tuttavia, mediamente, il periodo di comparsa è compreso tra le 12 e le 36 ore. Tra questi ci sono paralisi flaccida, debolezza muscolare, diplopia, difficoltà del movimento, scoordinazione dei muscoli della faringe e dei muscoli volontari, e nei casi mortali, paralisi dei muscoli respiratori. Il botulino si trova generalmente in cibi inscatolati o conservati, soprattutto di produzione domestica ma anche, in qualche caso, industriale. Tendenzialmente, tutti i cibi conservati che non vengono fatti cuocere e che hanno un basso grado di acidità (pH sopra il 4,6), possono costituire un ambiente adatto alla crescita del botulino.

Fonte: Fanpage