Noce Moscata tutto quello che c’è da sapere


Noce moscata

La noce moscata è una spezia aromatica utilizzata per esaltare pietanze salate e dolci. Questi semi, prodotti dalla pianta Myristica fragrans originaria dell’Indonesia, vengono essiccati ed esportati in tutto il mondo. Il nome della spezia nasce dalla forma che ricorda la noce e dal primo luogo di esportazione: Mascate.

Oggi è facile trovarla in tutti i supermercati ma in passato era così rara che veniva utilizzata come moneta di scambio. L’aroma caratteristico della noce moscata ha reso questa spezia indispensabile per la preparazione di alcune ricette. Besciamelle, creme per dessert o piatti di carne vengono arricchiti da un gusto profondo e speziato, sprigionando un inconfondibile aroma che coccola olfatto e palato.

Valori nutrizionali

Proteine
5,84 g
Carboidrati
49,29 g
Zuccheri
28,49 g
Grassi
36,31 g
Fibra alimentare
20,8 g
Sodio
16 mg

525 kcal in 100 g di prodotto

Uso in cucina

Noce moscata uso in cucinaIl profumo caldo ed esotico della spezia arricchisce creme a base di burro o latte e aromatizza piatti di carne. Nelle ricette salate è spesso utilizzata nei ripieni dei tortelli o ravioli, arricchisce i purè ed è uno degli ingredienti fondamentali della besciamella. Una grattugiata nei brodi di carne o negli stufati di selvaggina, ne esalta il sapore e ne addolcisce il carattere. È possibile trovare la noce moscata già macinata nei banconi del supermercato ma è sempre preferibile acquistarla intera. Per agevolarne l’uso, in commercio viene spesso venduta insieme ad una mini-grattugia. Questa spezia ,infatti, ha la caratteristica di sprigionare un profumo molto forte anche in piccole dosi ma solo se macinata al momento. Nei dolci la noce moscata viene aggiunta nella preparazione di budini e creme ma i più coraggiosi si spingono nella sperimentazione di torte e biscotti.


Proprietà benefiche della noce moscata

La noce moscata può essere considerato un valido alleato per combattere nausea, alleviare l’ansia, abbassare i livelli di colesterolo ed è ha un elevato potere digestivo. È importante però stare molto attenti alle dosi giornaliere da assumere. In dosi elevate, infatti, la noce moscata diventa nociva e può provocare nausea e vomito o, addirittura, effetti allucinogeni. È consigliabile non superare mai i 5-8 grammi per evitare disturbi del tratto intestinale e tachicardia. Da questa spezia viene anche prodotto l’olio essenziale utile a combattere reumatismi e dolori muscolari. Una macinata in infusione in acqua calda riesce a combattere fastidiosi gas intestinali.

Per visualizzare tutte le ricette con noce moscata CLICCA QUI

ricetta omini di pan di zenzero        rotolo di broccoli e patate        lasagne con la zucca e scamorza



Commenta la notizia: